Il signor parroco ha dato di matto in Francia ed in Italia: intervista a Jean Mercier

Emiliano interviste News Senza categoria

Di Emiliano Tognetti

Lui è Jean Mercier, giornalista del settimanale “La Vie” ed autore del libro “Monsieur le curé fait sa crise”, edito in Italia come “Il signor parroco ha dato di matto” per le edizioni San Paolo, libro che ha venduto 50.000 copie. noi di “7Gifts.org” dopo aver letto ed apprezzato il suo libro, lo abbiamo raggiunto e gli abbiamo fatto qualche domanda.

– Carissimo Jean Mercier, tu sei giornalista e scrittore cattolico. Come è nata questa idea? Chi o qual’è stato il motivo che ti ha spinto a scrivere questo libro?

Ho avuto l’idea di questo libro pensando alle piccole liti che esistono tra i parrocchiani, spesso per piccole cose che assumono improvvisamente una straordinaria dimensione emotiva. Così ho scritto una storia per divertirmi, nella forma di una specie di “favola teologica” che racconta la vita dei sacerdoti. Sono stato portato, nella mia vita professionale, ad incontrare e “confessare” (sto scherzando!) molti preti e vescovi. Ho trascorso anche molti anni della mia vita scrivendo un grande libro (molto serio) sul celibato e sula vita emotiva dei preti, cercando di capire la loro vita, strana e affascinante. Ho prodotto il primo studio che esiste nella Chiesa Cattolica sulla fattibilità dell’ordinazione degli uomini sposati, incontrando molti preti sposati, non solo nelle Chiese cattoliche orientali (come i Maroniti), ma specialmente in la Chiesa cattolica latina, intervistando una dozzina di sacerdoti, in passato anglicani o protestanti, divenuti sacerdoti cattolici con donne e bambini, con una deroga dispensata dal Vaticano (sono molto critico nei confronti di questa idea, perché mi sembra anche a me complicato condurre una vita da sacerdote e una vita familiare). Ho lavorato molto sulla “questione del prete”; ma, ad essere sinceri, questa storia parla di un uomo che si blocca in un muro perché si è chiuso in una ferita affettiva, antica e profonda. In effetti, è la mia storia personale che ho raccontato: ad un certo punto della mia vita, di fronte a incomprensioni o a colpi che ho ricevuto, mi sono chiuso in me stesso. Ho scritto questo libro per esorcizzarlo, ma era incosciente. Un mese dopo aver scritto la prima bozza del mio libro, ho sentito anche i primi sintomi di quello che si è rivelato essere il cancro allo stomaco. Ci sono molte ragioni per ammalarsi di cancro, ma credo che essere rinchiusi nella mia ferita sia stata una delle cause principali. Credo che il libro sia un successo perché, al di là della favola teologica, racconta di come un uomo si blocca in sé stesso – che è la stessa definizione di “peccato” – e il prezzo che deve essere pagato per uscirne ed essere convertiti, aperti al vero amore per sé stessi,  per gli altri, per Dio, assumendo le conseguenze di questo “peccato” – sia esso malattia, disabilità, vulnerabilità. Perché è in questa sofferenza che la Grazia di Dio sarà in grado di rivelarsi, di agire, di produrre frutti.

– Nel romanzo, tu descrivi il curato l’abbé Benjamin (Don Beniamino nella versione italiana) e la vita di una parrocchia tipo con vari personaggi co-protagonisti come Guillemette o Brigitte. Che cosa vuoi trasmettere quando scrivi di queste figure? Sembra quasi che tu abbia analizzato le figure tipo di una comunità e che tu voglia creare dei personaggi che sono un pò come delle maschere in cui ognuno di noi si può rivedere, delle caricature di ognuno di noi. Mi sbaglio?

Sì, è vero. Ho costruito i due personaggi Brigitte e Guillemette dopo una conversazione con un’amica che si occupava dei fiori nella sua parrocchia, in una cattedrale e altro ancora. Diciamo che quest’amica è il personaggio di Guillemette. Era in un grande stato di sofferenza. Aveva smesso di fiorire perché era così brava che un’altra donna, il personaggio di Brigitte, era diventata malamente gelosa di lei. I loro rapporti erano saliti a un tale livello di tossicità che entrambe erano cadute fisicamente malate. Quindi, è una storia davvero tragica, perché è la più dotata tra le due che ha finito per ritirarsi dal gioco. Il sacerdote non è stato in grado di decidere perché era troppo coinvolto emotivamente, il che è quasi sempre il caso dei conflitti tra parrocchiani. I sacerdoti sono spesso persone gentili, che cercano di riconciliarsi, ed hanno difficoltà a dire ad un parrocchiano: “Zitto”!

Per amore del romanzo, ho ovviamente caricaturalizzato le mie due parrocchiane. Ho fatto Guillemette una borghese catto-insopportabile nel suo “dare lezioni” da un lato e moglie “perfetta” dall’altro, perché ci sono tante persone così, in particolare in Francia, dove v’è una terribile conformismo sociale in una Chiesa sempre più “imborghesita”. Ho reso Brigitte una cattolica un po’ complessata dal suo semplice background sociale.

Ma in fondo, per essere onesti: assomiglio molto a Guillemette da un lato, un po’ come Fariseo, ed anche a Brigitte, perché siamo sempre più complessati nei confronti di qualcun altro… Specialmente nella vita professionale, mi è capitato di essere geloso del talento degli altri; l’invidia è un peccato molto grave, difficile da identificare in sé stessi e da accettare, senza negarlo.

– Parliamo dell’abbé Benjamin. Ti sei ispirato a qualche figura in particolare per raccontare la sua storia nel romanzo? Se sì, puoi dirci a chi e che importanza ha avuto per te? Il fatto che lui si isoli dal mondo, pur rimanendo vicino al suo popolo, che cosa vuol indicare per te? è importante fare come Gesù che si ritirava a pregare, ma senza distaccarsi dai problemi della gente e soprattutto dalle persone che sono vicine a noi, il “nostro prossimo”, giusto? è questo il messaggio che riprendi dal Vangelo?

Sì, sono stato ispirato dal mio padre spirituale, mio ​​confessore, un prete di 36 anni che è davvero un riferimento per me, anche se il “mio” padre Benjamin non sembra affatto lui, al contrario. L’ho incontrato alla Gmg di Madrid, dove ero giornalista, durante una confessione importante per me. L’ho trovato così straordinario, così buono e dolce nell’ascolto che mi ha dato che gli ho chiesto i suoi riferimenti. Poi sono tornato regolarmente per confessarmi con lui. Lo considero qualcuno eccezionalmente vicino a Cristo. Parlare con lui mi placa e mi dà fiducia. È un’esperienza d’amore assolutamente unica che non ho vissuto con nessun altro. Con lui, sento di essere in contatto con la tenerezza e l’amore di Cristo. Questo non significa che sia impeccabile (a volte è un po’ sognatore, sulla luna). Ma ha un’incredibile connessione con Cristo. In questo sacerdote mi piace anche il fatto che sia felice, divertente, come un bambino. Ha ricevuto una grande grazia: quella dell’infanzia eterna, cioè la semplicità, la purezza, l’umiltà. Ma naturalmente, ottieni quella ricchezza solo se ti metti in ginocchio e accetti di essere un peccatore, qualcuno che è davvero un povero ragazzo. La maggior parte dei cattolici perde il tesoro dei sacerdoti perché non diventano peccatori. Credo che questa favola teologica ci dica anche che troviamo Dio soltanto il giorno in cui accettiamo di riconoscere che siamo al livello più basso, con più umiltà.

Metto in bocca a padre Benjamin le cose che questo vero prete mi ha consigliato per credere e praticare meglio. Si scopre che questo sacerdote ha una relazione completamente fusionale con Gesù, un legame vitale molto forte, una sete che è visibile. Appena ha un po ‘di tempo libero, “fugge” a pregare lontano dalla sua parrocchia, ogni volta che ha un giorno libero. Per semplicità, vive nella sua macchina vicino a un santuario a cui è molto legato, è davvero pazzo di questa intimità con Dio in preghiera. Quando celebra la messa, è un blocco di preghiera, è incredibile vederlo, è davvero “altrove”. Il mio Benjamin è molto lontano dall’essere in questo stato di fusione, lo cerca e si impiglia in modo da lasciarsi prendere nella sua stessa trappola di un ritorno a questa unione con Cristo che hanno avuto i mistici del Medio Evo come Julian di Norwich, una donna per la quale ho una grande vicinanza spirituale e alla quale tributo indirettamente con questa idea di isolamento. Era reclusa, ma la gente andava da lei.

– Mi piacerebbe molto che tu approfondissi la figura del vescovo, che a me ha suscitato non poca simpatia. Quanto pensi che possa essere un aiuto la sua figura per i nostri pastori di oggi e quale ruolo hanno secondo te i vescovi nel terzo millennio?

Il ruolo del vescovo è cruciale, ma mi sembra, come scrivo alla fine del mio libro, che si tratta di una missione che è sempre più difficile e dura, quasi impossibile. Ci sono sempre meno preti per aiutarli, ma anche laici sempre meno preparati e disponibili, e in particolare sempre meno battezzati alla base. Essi devono gestire a volte, esigenze ideologiche opposte, con una pressione molto alta. Questo perché da uno o due anni, l’identità “cattolica”, è stata presa (politicamente) dalle idee di estrema destra, che vogliono difendere le radici cristiane dell’Europa, reprimere i migranti ecc. Soprattutto, i vescovi devono accompagnare un prete che a volte è immaturo emotivamente e relazionalmente – anche a 50 anni, questo è il caso del mio Benjamin – ed è qui la fonte della loro crisi!

Mi sembra, nel complesso, che la maggior parte dei vescovi sia sopraffatta da ciò che sta accadendo loro da tutte le parti. Lo abbiamo visto con i problemi dei pedofili che coinvolgono sacerdoti: pochi vescovi sanno come anticipare le crisi, gestirle in modo intelligente con i media, essere energici di iniziative e proposte. Abbiamo sempre l’impressione che corrano dietro al treno, che lascino marcire situazioni scandalose e che inciampano sempre i piedi nel tappeto. Penso che a livello di base, la fiducia è rotta. Penso che una nuova generazione di vescovi dovrà alzarsi e cambiare tutto questo. Inoltre, spetterà a questa nuova generazione episcopale mettere in discussione il sistema parrocchiale classico, che è totalmente senza fiato. Le nostre diocesi francesi, a differenza degli italiani – molte e di piccole dimensioni, ovviamente non parlo di Milano! – sono molto grandi. In un decennio, ci sono molte diocesi che avranno solo dieci o quindici sacerdoti ancora sufficientemente giovani e forti (gli altri saranno ancora lì, ma troppo logori o non affidabili, non abbastanza forti, o con “padelle”). Ma non puoi dirigere una diocesi con una quindicina di sacerdoti, non è possibile; devi ripensare a tutto, ma devi iniziare adesso. È quasi troppo tardi, a volte mi dico…

Tu sei un giornalista francese e conosci molto bene la capitale, Parigi. Com’è la situazione nella tua metropoli? Quando ci sono stato, ho respirato quasi due realtà: una veramente mondana e quasi dominante, con la gente che va a lavoro ed è piena di “cose da fare” ed una più segreta, più nascosta forse, penso a luoghi come Rue de Bac, ma non per questo con meno fede oserei dire, anzi che sta riscoprendo il significato più profondo della fede, mi sbaglio ?

Credo che Parigi sia il luogo in cui si pratica maggiormente in Francia, dove – in ogni caso – l’offerta spirituale è la più grande … la più ricca, abbondante e varia. Se non sei molto felice nella tua parrocchia, hai sempre la possibilità di andare in un altro, che ti piace di più, che è a dieci minuti a piedi da casa tua, non di più, perché Parigi è una “piccola città”, dove vengono fatte molte cose a piedi. Quindi è possibile per un parigino essere cattolico. Ho visto la differenza quando mi sono trasferito in provincia, in Normandia, dopo 13 anni nella capitale. Soprattutto a Parigi, ci sono luoghi un po ‘alternativi alla parrocchia classica, così diversa, proprio come a Rue de Bac, al Sacro Cuore, dove le persone vengono più come consumatori di sacralità e silenzio. Questa parola, “consumatore” non è peggiorativa ai miei occhi, è una descrizione. Io stesso ho trascorso diversi anni iniziando la mia giornata con un tempo di adorazione nella parrocchia di St. Louis ad Antin, un santuario vicino alla stazione di St. Lazare, dove ci sono molte messe e la possibilità di confessare tutto il giorno. Avevo bisogno di “consumare” in questo posto, in parallelo con il mio coinvolgimento nella parrocchia (vivo in Normandia, ma la mia vita attiva è a Parigi, durante il giorno). Io chiamo questo “consumo”, perché viene fatto anonimamente, per “cogliere” un’atmosfera, un sacramento, uno spazio di preghiera, senza essere coinvolto come parrocchiano. Credo che esista un grande bisogno di questi luoghi dai quali si arriva solo per nutrirsi, anche se l’ideologia ecclesiale critica il consumismo e ci dice che è necessario, ed è vero, impegnarsi personalmente a sostenere la Chiesa. È un po ‘come quello che descrivo nel mio libro con queste persone che si incontrano per cercare il prete solitario, chiaramente assegnato alla funzione di “dare” Dio alle persone.

– Secondo te, perché Maria ha una così grande preoccupazione per la Francia? è la nazione dove sembra essere apparza con più frequenza dal 1800 ad oggi. come è sentita la presenza della Madonna, nella città della cattedrale di “Notre Dame de Paris”?

Maria, in effetti, ha una grande preoccupazione per il nostro Paese. È difficile parlare da solo … per sbloccare i segreti di Dio. Sarò felice di dire una o due cose. Per me, Maria è la figura stessa della semplicità del cuore, dell’umiltà. La Francia, al contrario, è una nazione molto orgogliosa. Ci sono altre nazioni orgogliose, come la Russia, l’Inghilterra, gli Stati Uniti, ma la caratteristica della Francia è quello di pensare di essere un riferimento filosofico assoluto, quello che il mondo dovrebbe fare per essere Buono, Vero, Buono, Ragionevole… In effetti, la Francia si immagina ancora come il faro unico per l’umanità. Questa pretesa è accompagnata da una propensione alla speculazione intellettuale, alla rigidità ideologica. Lontano da ogni preoccupazione pragmatica (come l’inglese), l’amore francese ad impegnarsi in costruzioni concettuali, discussioni di idee contorte e sofisticate, in particolare a Parigi, in un’escalation del godimento di idee, di masturbazione intellettuale. I cattolici stessi sono contaminati dal problema. (Non dimentichiamo che in Francia c’erano i peggiori abusi dopo il Concilio, che alla fine hanno portato alla reazione dei tradizionalisti e di monsignor Lefebvre e nel 1988 allo scisma)

A mio parere, per pietà e per misericordia, il Buon Dio manda Maria, precisamente, a rimettere il vapore nel cervello francese. Prende le sembianze di una ragazza molto giovane, a volte ancora bambina, ed appare a persone non intellettuali, a persone povere e non brillanti. Questa è una lezione per i francesi che hanno avuto problemi nell’apprendimento. Ma vedo che santuari mariani sono molto resistenti alla secolarizzazione: per esempio l’Ile Bouchard e la Madonna di Laus, ignoti fino a quasi trent’anni fa, sono cresciuta in maniera esponenziale nelle presenze in questi ultimi anni.

– Posso chiederti si tracciare un bilancio di questi anni nella Francia post 1968 ed all’alba del terzo millenio? Quali sono le sfide che pensi debba affrontare l’uomo moderno in Francia ed in Europa? E come può la fede cristiana essere di aiuto nel paese della laicità dello stato? Come la vivete voi questa condizione, sia nel bene che nel male? e come affrontarla? Cosa direbbe o farebbe Don Beniamino o mons. Beniamino a tal proposito?

Domanda grande e molto ampia. Direi che i cattolici sono sotto pressione in una società che comprende sempre meno l’antropologia cristiana. Lo vediamo non appena parliamo della questione dell’eutanasia, ad esempio: sempre più nostri contemporanei non capiscono l’idea che la vita che è in noi sia un dono di Dio. Per loro, ognuno è il proprietario di se stesso, basta! Pertanto, i cattolici devono affrontare difficoltà nel comunicare i loro valori profondi. Di fronte, per esempio, alla questione dell’eutanasia, ci sono diversi comportamenti possibili. O confessi di essere sconfitto, e accetti lo schiamazzo dell’ipermodernità (per esempio cercando di trovare virtù caritatevoli nella soluzione dell’eutanasia, che è spesso facile da fare in nome della libertà, dell’amore per la compassione e il rifiuto della sofferenza, ecc.). O combatti contro l’eutanasia in una posizione molto militante, ma poco capita dagli altri, e viene volentieri caricaturalizzata come reazionaria. O cerchi di avvicinarti alla verità delle situazioni e di sentire qualcosa di diverso dal fascino mortificante di sopprimere la sofferenza. Ma in questo caso, non puoi fare affidamento sulle idee, sul formulare bellissime frasi … No, dobbiamo incontrare testimoni, persone che parlano con le loro vite, con la loro carne e con il sangue. E questo è più complicato, più raro dei bellissimi discorsi. Quest’autunno, in Francia, c’è stata una sorta di isteria mediatica nei confronti di una scrittrice Anne Bert, che ha scritto un libro militante a favore dell’eutanasia perché non sopportava l’idea di soffrire i morsi della malattia di Charcot. Ben prima di essere dipendente, ha fatto la scelta di andare a subire l’eutanasia in Belgio . È una sua scelta e non mi permetto di giudicarlo. D’altra parte, possiamo essere molto critici nei confronti di quasi tutti i media francesi che hanno messo in scena questo caso, per fare di questa donna un pioniere della lotta per l’eutanasia, ignorando completamente il fatto che migliaia di persone subiscono la stessa malattia orribile, andando fino alla fine, senza chiedere di essere soppressi. La risposta utile dei cattolici a questa sorta di omertà dei militanti progressisti (affascinati dalla cultura della morte) può essere solo dell’ordine della testimonianza, non del sermone: è ad esempio questa bellissima testimonianza di quest’uomo che sostiene la felicità nel cuore della stessa malattia (in questo link potete trovare il racconto, in francese, della sua storia). Ma tali forti testimonianze richiedono che i credenti le indossino e portino avanti convinzioni con altri che non sono necessariamente credenti. Questo caso riassume piuttosto bene l’intelligenza spirituale che dovrà essere fatta affinché i cattolici rimangano credibili, mentre le loro forze numeriche stanno collassando e le loro convinzioni, precedentemente normative per la società francese, sembrano alla maggioranza del popolo francese, “mode extraterrestri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress spam blocked by CleanTalk.